giovedì 9 dicembre 2010

PITTULE SALENTINE...


 Buongiornooooooo!!! Come vi avevo promesso, eccovi la ricetta delle mie pittule!!!
Come vi ho spiegato nel precedente post, è un impasto molto lento, con tanta acqua rispetto quello della solita pizza o focaccia; si possono friggere semplicemente così, oppure farcire con: tonno capperi olive e pomodoro, cavolfiori, baccalà.
Io le ho fatte semplici perchè il pranzo già era abbastanza ricco, ma se volete farcirle, basta prendere un po' di impasto nelle mani, porre al centro la farcia, chiuderle e friggerle!!!
Ma veniamo alla ricetta...



Per tutte queste che vedete su  (ne mancano 4-5 che abbiamo strafogato bollenti!!!) servono:
 400 gr di farina 00
1 cucchiaino di sale
1/2 cucchiaino di zucchero
3 cucchiaioni di olio extravergine d'oliva
7 gr di lievito
acqua q.b. ( deve essere il 90% circa, a me la farina ne ha presa 390 ml)
abbondante olio extravergine d'oliva per friggere


In una grossa ciotola disporre la farina e farci un buchino al centro, porre nel mezzo il lievito, l'olio, sale zucchero; poi versare man mano l'acqua e amalgamare aiutandosi con un cucchiaio di legno.
Continuare ad aggiungere l'acqua e  lavorare l'impasto con il cucchiaio finchè non risulta un composto bello cremoso, come si dice da noi LENTO!
Poi ho lasciato lievitare fino al raddoppio al calduccio ( circa 4 ore)... Intanto ho messo sul fuoco una pentola alta con abbondante olio e.v.o. e quando era bello fumante ho iniziato a friggere!!!
Bisogna avere le mani bagnate, prendere poco impasto alla volta, fomare delle palline e versarle nell'olio bollente; poi girarle ogni tanto con una schiumarola (il mestolo con fori)  in modo da farle dorare per tutta la superficie.
Quando sono dorate, tirarle fuori dall'olio con la schiumarola e asciugarle su carta assorbente.
Mangiarle caldissimeeeeeee!!! Se non potete mangarle al momento, potete riscaldarle in forno prima di servirle!!
Et voià....Le mie!!!




E questo è l'nterno...


Sofficiose dentro e croccanti fuori....
E adesso che avete la ricetta cosa aspettate a provarle???? Correte ai fornelliiiiiiii!!!
Buon week-end, vi abbraccio forte, 
                                                                  RAFFY

17 commenti:

  1. ohhhhhhh ora sono contenta...solo virtualmente...devo per forza farle..riesci sempre a convincermi!!!!!!!!!!brava Raffy! un abbraccio!

    RispondiElimina
  2. Una preparazione molto simile si usa anche in Sicilia ed in Calabria: sono sfiziosissime :D

    RispondiElimina
  3. Ciao!!!!! Ne ho sentito parlare, ma non le ho mai assaggiate!!!!!
    Sembrano moltoooo invitanti!!!!!!!
    Proverò!!!!!!!
    Un bacione e grazie!!!!!!

    RispondiElimina
  4. che buoneee!!! anche io le ho fatte le pettole, mi diede la ricetta una mia amica lucana, io però le feci a ciambelline e le passai nello zucchero poi, buonissime.
    brava Raffy, baci.

    RispondiElimina
  5. buonissime ...ti mando l'indirizzo cosi me li fai assaggiare hihhi.

    RispondiElimina
  6. non le conoscevo,somigliano un po' ai nostri scroccafusi che si fanno a carnevale

    RispondiElimina
  7. Grazie Raffy della ricetta, che annoto! Un abbraccio cara. .

    RispondiElimina
  8. Buonissimi! Sembrano molto invitati.
    un abbraccio
    ciao, ciao

    RispondiElimina
  9. Gesù Giuseppe e Mariaaaaaa ma che bontà sono??????? c'è il pericolo che così piccole se ne mangino un centinaio :-)))

    RispondiElimina
  10. Vista l'ora, nel vedere queste prelibatezze la mia salivazione sta aumentando a dismisura!!!

    RispondiElimina
  11. Scusami cara, sono rimbambita io o c'è la moderazione dei commenti? Perché non vedo il commento che ho postato ieri! :-)

    RispondiElimina
  12. Oopsssss! Sono rimbambita io! :-D

    RispondiElimina
  13. che buone! da copiare assolutamente :) un saluto dal Pandino

    RispondiElimina
  14. Non le ho mai assaggiate ma devono essere la fine del mondo!!!!Smack!

    RispondiElimina
  15. Pittule!!!! Già il nome mette allegria!! Bisogna che le faccia assolutamente!!!!
    Grazzzie!!!
    Bacioni Arianna

    RispondiElimina
  16. che spettacolo!:D sanno di mare di sale e di taranta. già solo dal nome:D

    RispondiElimina
  17. me le faceva mia madre da bambino,e non le mangio da oltre 40 anni,le farò appena possibile,grazie per la ricetta,ciao.Enzo

    RispondiElimina